I cookie ci aiutano a offrire servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Figure del sillogismo

Nel sillogismo, sia la disposizione dei termini, sia la disposizione delle enunciazioni, può variare. Dalle diverse disposizioni dei termini derivano diverse figure (tipi) di sillogismo, dalle diverse disposizioni delle proposizioni derivano diversi modi o schemi di sillogismo.

Se io colloco il termine medio in una posizione piuttosto che in un’altra, ottengo una figura di sillogismo:

Tre sono le possibili posizioni del medio.

Nella prima figura il medio è in una premessa soggetto, nell’altra è predicato.

Nella seconda figura il medio è due volte predicato in ciascuna delle due premesse.

Nella terza figura è due volte soggetto.

 

Ed ecco le leggi che si devono rispettare in ogni figura:

Per la prima figura valgono queste due regole:

Sit minor adfirmans, maior vero generalis.

La minore deve essere in forma affermativa e la maggiore deve essere universale.

Per la seconda figura si devono osservare queste due regole:

Una negans esto, nec maior sit specialis. 

Una delle due deve essere in forma negativa e la maggiore deve essere universale.

Nella terza figura valgono queste due regole:

Sit minor adfirmans; conclusio, particularis.

La premessa minore deve essere in forma affermativa; la conclusione deve essere particolare.

Informazioni