I cookie ci aiutano a offrire servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Importante riferirsi al numero 3

Testo migliorabile mediante successiva modifica

Cominciamo con questo procedimento logico:

  1. I delfini sono mammiferi.
  2. I delfini abitano i mari.
  3. Qualche abitante dei mari è un mammifero.

In questo procedimento i termini sono tre:

delfini, abitanti dei mari e mammiferi.

Tre sono ancora le proposizioni che compongono il ragionamento:

  • le due premesse (i delfini sono mammiferi – i delfini abitanti dei mari)
  • e una conclusione (qualche abitante dei mari è un mammifero).

L’intera struttura ripropone ciò che vale per il principio di identità: due cose uguali ad una terza sono uguali tra di loro.

Il principio di identità si integra con il principio di discrepanza.

Due cose delle quali nessuna o una soltanto delle due si identifica con una terza sono differenti tra di loro.

In tutto questo è evidente l’aspetto ternario di ogni ragionamento.

I termini presenti in un ragionamento (che d’ora in avanti chiameremo raziocinio) sono il termine maggiore, il termine minore e il termine medio.

La dinamica di questa operazione logica consiste nel confrontare il termine maggiore con termine medio, e ancora il termine minore con quello medio.

Nella frase conclusiva non compare più il termine medio (come se avesse già esaurito la sua funzione di intermediario e si confrontano in un giudizio finale il termine maggiore con il termine minore).

Note aggiuntive

Il sillogismo può essere espresso in forma concisa. L'argomento di Duns Scoto, docente all'Università di Oxford (egli è chiamato anche per questo Dott. Subtilis) e autore di questa formulazione per dimostrare il privilegio della Immacolata Concezione per la Beata Vergine Maria:

Potuit.

Decuit.

Fecit.

Fu possibile.

Fu conveniente.

Fu fatto.

La triplicità dei termini che fanno parte del sillogismo è rimarcata dalla prima regola che dice così: Terminus esto triples: maior mediusque minorque. - I termini devono essere tre: maggiore, medio e minore.

Informazioni